Skin, bollore e disperazione

Non sono un fan degli Skunk Anansie, posso dire di conoscere un paio di canzoni e neppure bene. Sono però un fan di Skin, la cantante calva. Sarà quel misto di alieno e di tribale che mi aprono un mondo estremo. Questa canzone mi sbollenta l’interno e mi dico:

“Cantala ancora Skin, disperati per me e per tutti gli amanti della vita”

| Leave a comment

Il torneo “ioscrittore”

Quest’anno faccio il mio esordio nel celebre torneo “ioscrittore”. Questa competizione tra scrittori è fonte di aspre polemiche, ma facciamo un passo indietro e spieghiamo.

Ogni partecipante riceve 15 incipit da valutare, per tutta la competizione si deve mantenere l’anonimato per evitare combine e accordi sottobanco. Alla fine della prima fase i partecipanti con la classifica migliore passano il turno e potranno caricare tutto il romanzo che verrà sottoposto a una nuova valutazione.

Ho già valutato 12 incipit e devo ammettere che il panorama è variegato come una Viennetta. Oggi ho sparato un 9.33 di media e ieri un 2,67. Questo per dire che prendo molto seriamente il mio ruolo di lettore.

Non mi faccio grandi illusioni sul mio incipit, è il pezzo di un romanzo che attualmente è solo al 40% della stesura. Manca l’editing, la calibrazione dei personaggi, insomma è buttato nella mischia tanto per fare. Vedremo.

| Leave a comment

Il vostro eroe a Teletutto

Sono stato invitato a Teletutto racconta, questo il video integrale della trasmissione. Si parla della raccolta “Racconti bresciani” e del mio racconto “La Mille Miglia del 27″

| 2 Comments

INTERVISTA A FLAVIO FIRMO, AUTORE DELLA SAGA “IL CAMPIONE DI SUBBUTEO”

Grazie all’amico Stefano per la bella intervista che riporto direttamente dal suo blog.

INTERVISTA A FLAVIO FIRMO, AUTORE DELLA SAGA “IL CAMPIONE DI SUBBUTEO”

Lo scrittore Flavio Firmo.
Ospitiamo sul nostro blog l’intervista realizzata a Flavio Firmo, scrittore con pubblicazioni alle spalle riguardanti il subbuteo: “Il campione di subbuteo”, “Cercando il re del subbuteo”. Due romanzi in cui il protagonista è il panno verde e la passione per questo gioco. Firmo vanta altri libri fra cui due romanzi recenti, “Eve” e “Fùtbol”.
Flavio, innanzitutto presentati e descriviti.
«Scrivo da metà della mia vita e da qualche anno mi sono dedicato alla scrittura con profondità. Cerco di svariare nei generi per esplorarli fino in fondo. Il mio libro più famoso è “il campione di subbuteo”, ma sono le due ultime uscite: Eve e Fòbal che mi stanno dando le maggiori soddisfazioni».
Come nasce la passione per il subbuteo?
«Come tutta la mia generazione nata a cavallo tra i Sessanta e i Settanta ho avuto un solo grande gioco: il subbuteo. Ci gioco da sempre, ma dal 1985 al 1990 ho raggiunto i risultati migliori a livello agonistico. Nel 1990 ero nei primi dieci in Lombardia e nei primi 200 in Italia, per quello che conta. Poi ho incontrato altre passioni che non è educato sottolineare e l’ho messo in cantina. Nel 2005 ho incontrato dei vecchi amici e sono tornato al sacro gioco, ma senza velleità agonistiche. Tutti conoscono il gioco per la sua perfetta simulazione calcistica e pochi sanno che esiste un movimento agonistico con tornei nazionali e mondiali. Nel mio “Il Campione di Subbuteo” ne ho raccontato il lato agonistico, un lato che può stupire il neofita».
Subbuteo e scrittura, hai incrociato le tue passioni e ne sono nati alcuni  libri. Ce ne vuoi parlare?
«“Il campione di Subbuteo” è nato in una serata al nostro club. Un grande campione degli anni Ottanta è venuto a trovarci e ci ha parlato della sua storia personale, una storia ai limiti della malavita e ho iniziato a progettare il romanzo. Un vecchio campione che incontra un giovane alle prese con i tornei di Subbuteo, la formula era esplosiva. Il libro è stato molto amato e ho deciso di farne una saga, non una trilogia fatta e finita, ma una serie di episodi. La prima uscita è stata “cercando il Re del Subbuteo” al quale ne seguiranno altri. L’idea è di esplorare la storia dell’agonismo andando a ritroso fino al 1964, anno del primo campionato europeo. Per questo episodio ho già contattato il vincitore di quella edizione, per dire che la ricerca è una parte importante del mio lavoro».
Non solo panno verde. Hai pubblicato anche raccolte di racconti e romanzi,  l’ultimo dei quali si intitola “Eve”. Raccontacelo in breve.
«È il romanzo che amo di più. L’intento era di scrivere una storia d’amore con una buona dose di erotismo. L’erotismo non doveva nascondere nulla, questa era la vera sfida. Descrivere l’atto senza scivolare nella volgarità, ma entrando nella pura crudezza. La protagonista è un transessuale, molto bella e integrata nella società. Non è una storia di emarginazione, volevo dare al lettore il punto di vista di un uomo nel corpo di una donna».
Quale strada hai scelto tra editoria tradizionale e self publishing e cosa pensi di entrambe?
«”Eve” è uscito con Lettere Animate, una casa editrice con una visione molto particolare. Puntano molto sul marchio e sullo scrittore e, cosa da non dimenticare, rigidamente senza contributo. Dopo una lunga analisi ho deciso di puntare verso il self. Ho avuto alcune proposte da parte di case editrici non a pagamento, ma ho deciso di mantenere il controllo di tutto il processo. Copertina, editing, promozione e controllo delle vendite vengono fatte insieme a un piccolo gruppo di collaboratori. Certo, se arrivasse una proposta da una big non mi tirerei di certo indietro. Delle case editrici a pagamento preferisco non parlare».
La promozione del libro è fondamentale per un autore emergente. Hai  seguito una strategia particolare?
«Mi muovo attraverso i social per costruirmi una certa credibilità come autore. Cerco di non spammare in tutti i gruppi perché è una pratica controproducente, preferisco intervenire nei post dando un contributo reale. Ho il mio blog flaviofirmo.wordpress.com dove pubblico i contenuti più importanti che poi vengono rimpallati sulla pagina Facebook e su Twitter. La vera promozione però avviene di persona, durante le presentazioni che devono sempre dare al lettore qualcosa di più della solita presentazione. Per esempio ho presentato “Eve” in un bar brasiliano con le ballerine in costume, inutile dire che è stato un successo».
Sul tuo blog comunichi ai lettori anche i lavori “work in progress”, una  scelta inusuale. Speri di fidelizzarli ancora prima della pubblicazione?
«Ho due generi di lettori: il subbuteista e gli altri. Il subbuteista legge solo quello e mi chiede nuovi episodi, gli altri sono più interessati all’evoluzione dei miei lavori. La pagina work in progress serve per tenere caldi gli argomenti e per far sapere ai lettori su cosa sto lavorando. Molti mi hanno chiesto un seguito di “Eve”, ma attualmente non è neppure nel più profondo dei miei pensieri. Il futuro è per il prossimo capitolo del campione di Subbuteo e per un romanzo di sci-fi che al momento è in fase di editing. Attualmente sto finendo “il principino della truffa” che partecipa al torneo ioscrittore».
Ringraziamo Flavio Firmo per la disponibilità e gli auguriamo le migliori fortune. Ecco i link utili per seguire direttamente la sua attività letteraria.
| Leave a comment

Buon viaggio con Eve

gtB6JRxx.jpegDa qualche giorno, una donna meravigliosa, ha tra le mani il mio romanzo Eve. Sono questioni personali, questioni di pulsazioni interne e di passioni che neppure io riesco a spiegare bene.

Sono questioni di puro istinto.

Eppure sono felice, orgoglioso e forte come un guerriero che torna dalla guerra e trova il villaggio dei suoi ricordi ancora vivo e vegeto. Sapere che abbiamo preso strade volanti e sconosciute, sapere che poteva essere e non è stato.

Ma ora hai Eve, lo puoi leggere e appassionarti ai personaggi. Commuoverti e capire, forse, qualcosa di più sull’Universo maschile. Se solo Eve ti strapperà un sorriso, un sospiro, una lacrima di gioia. Se ti farà stringere i pugni e ti terrà sveglia fino a notte fonda. Se la mia storia condividerà un minuto del tuo sonno, sarà la mia più grande gioia e non avrò scritto invano.

| Leave a comment

Per sempre schiavi di Jeff Bezos

Originally posted on strategie evolutive:

Amazon founder Jeff Bezos starts his High Orde...

Questo è una specie di post di utilità pubblica.
Non bisogna mai dare nulla per scontato.
Poche ore fa ho sentito una affermazione che faceva più o meno così

acquistando un lettore Kindle ci si condanna a dipendere da Amazon per i propri acquisti di ebook, per sempre

Il che, incredibile ma vero, è una colossale sciocchezza.
Certo, è perfettamente in linea con l’idea che l’azienda di Jeff Bezos sia il Male, ma è una sciocchezza.

Vediamo perché.

View original 315 more words

| Leave a comment

Campionato Italiano a squadre 2010 : Asd Brixia

Originally posted on Il Subbuteo a Brescia dal 1982 ai giorni nostri:

 

Sabato 17 Aprile 2010. Ore 5.30 si comincia.

Ufficialmente il campionato di serie D del Brixia e quello di Serie B del Leonessa iniziano sotto casa del Vis, mando un sms per non svegliare tutta la sua famiglia e mi risponde Davide con la voce impastata “hanno annullato il volo”, sembra ancora dormire. Mi apre e dopo aver consultato il sito dell’aeroporto decidiamo di partire ugualmente, ma dopo 10 minuti la moglie del Vis (povera donna) ci conferma che il volo è annullato. Siamo in auto e proseguiamo, direzione Roma. Sapevo che sarebbe stata dura, ma credevo solo nel palazzetto.

Il viaggio scorre veloce anche se con l’ansia di arrivare in ritardo. Claudio telefona a chiunque, De Francesco, Warriors, Galeazzi. Chi è al palazzetto ci conferma che ci sono discussioni. Comunque arriviamo in tempo. Ci mettiamo sui campi dove ci aspettano i nostri compagni. Il Brixia schiera Furini, Palazzani…

View original 1,150 more words

| Leave a comment