Di cosa parliamo, quando parliamo di incipit.


letteratura_antoL’incipit di un romanzo è la parte iniziale, la prima pagina o anche meno. Sono le prime parole di una storia e da queste si deve subito capire il carattere dell’autore.

Dunque, nella vita ho ucciso assassini e animali feroci, ho fatto l’amore nella stessa notte e nello stesso carro con quattro donne cinesi, tra cui una che aveva una gamba di legno, il che rende le cose un tantino difficili, in certi casi. Una volta, mentre attraversavo le pianure, ho pure mangiato un tizio morto, non intero, ovviamente, ma sia chiaro che non lo conoscevo tanto bene, mica eravamo parenti, insomma si è trattato solo di un malinteso

Joe R. Lansdale – Paradise Sky

Questo è l’incipit di uno dei maestri dell’incipit. In sei righe hai una voglia pazza di capire dove ti porterà la sua storia.

Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendía si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio. Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito.

Garcia Marquez – Cent’anni di solitudine

Questo incipit è stato eletto il più bello del millennio. La classe di Marquez e il suo modo di entrarti con passione è una cifra stilistica che ne ha fatto uno dei maestri.

«È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno scapolo in possesso di un solido patrimonio debba essere in cerca di moglie.»

Orgoglio e pregiudizio, di Jane Austen

Anche in questo caso, dalle prime parole, si entra nel vivo della storia con una frase che caratterizza l’ambiente e il percorso che andremo a fare con l’autrice.

«Una mattina Gregorio Samsa, destandosi da sogni inquieti, si trovò mutato, nel suo letto, in un insetto mostruoso.»

La metamorfosi, di Franz Kafka

Quindi, per un buon incipit, subito nel pezzo e dentro la storia.

 

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s