Cosa attrae le donne…da sempre


Sono stato combattuto sul titolo, mi sembrava troppo pretenzioso e troppo “ehi, amico. Leggi quì”. Poi ho capito che era l’unico modo per sintetizzare un concetto che mi sta molto a cuore.

cary-grant_the-epitome-of-grace_hd_768x432-16x9

Siamo stati animali per milioni di anni e civilizzati per un tempo relativamente breve. I meccanismi del nostro comportamento sono incisi nel dna e, volenti o nolenti, sono questi. Se nel corteggiamento tenti di far colpo senza essere te stesso, con tutta probabilità lei se ne accorge; nei rari casi in cui questo non succede, la relazione risulta comunque compromessa, perché l’immagine che lei ha di te non corrisponde alla realtà.Essere te stesso non significa, però, mostrare subito paure, difetti e debolezze: genuini sì, ma darsi la zappa sui piedi no! Una soluzione è imparare a rimanere tranquillo e dare il meglio di te anche quando conosci una donna eccezionale. Trasformare, quindi, il tempo che passate insieme in un occasione per farle conoscere le tue qualità e il tuo valore senza mai vantarti e rimanendo sensibile all’unicità della donna che hai davanti.

Riassumendo, quali sono le qualità maschili che possono attrarre una donna?
• La voglia di proteggere i propri cari
• La capacità di proteggere i propri cari
• Decisionalità (capacità di scegliere, capacità di impegnarsi)
• Tolleranza al rischio
• Capacità di leadership (ispirare, influenzare, prendere decisioni per il gruppo, essere sicuri delle proprie idee)
• Empatia (la fa sentire profondamente capita) e tenerezza
• Soddisfazione dei suoi bisogni sociali (come divertimento e relax)
• Insegnamento di qualcosa di affascinante
• Suscitare la sua ammirazione
• Imporre regole sensate
• Attrarre naturalmente altre donne
• Suscitare l’approvazione delle sue amiche
• Avere un alto valore all’interno dei contesti sociali in cui lei si riconosce
• Avere qualcosa che lei considera prezioso
• Essere consapevoli del proprio valore come uomo
• Non darsi delle arie e non vantarsi dei propri successi

Advertisements
This entry was posted in Psicologia da strada. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s