Il giardino


Forse l’archetipo più bello dell’amore è il giardino. Un giardino bellissimo, rigoglioso con tanti alberi e fiori. L’immagine che ci scalda il cuore e ci induce a sperare che il nostro rapporto sia pieno di colori.

eva-longoria_650x435

Un bel giardino ha bisogno di essere innaffiato e curato ogni giorno per mantenersi vivo nel tempo. In altre parole, non è qualcosa che una volta trovato si mantiene sano da solo, siamo noi a doverlo mantenere in vita prendendocene cura ogni giorno. Ed è proprio questa l’idea che caratterizza questo archetipo.

L’impegno costante è difficile, non è da tutti. Quando un rapporto ha raggiunto la fase di equilibrio e gli archetipi di movimento che abbiamo descritto prima si sono azzerati ecco che inizia la fase più difficile. La coppia ha costruito un giardino che ha bisogno costante di cure e attenzioni. Se ci si dimentica di annaffiare i fuori questi muoiono, così anche il rapporto. Se la coppia mantiene il giardino non deve temere nulla.

Il lato oscuro del giardino può arrivare all’improvviso, spesso attivato da eventi esterni che uno dei due individui non riesce a controllare. A questo punto il giardino non sembra mai perfetto, ci sono sempre dei colori sbiaditi o delle macchie nel laghetto che non si riescono a pulire. L’individuo vuole mantenere il giardino e addossa la colpa al partner che non si impegna. In poche parole subentra una mania di perfezione, mentre la manutenzione dovrebbe essere fatta di piccole e invisibili carezze.

L’ombra dell’archetipo giardino spinge per un salto di qualità della coppia rompendone l’equilibrio. Vengono meno le premesse iniziali e il rapporto inizia a disgregarsi. La televisione, con i suoi falsi miti, è spesso una delle cause del lato oscuro del giardino. L’individuo è felice, ma vede immagini di coppie che ritiene più felici. Hanno denaro, figli biondissimi e vacanze da favola. Chi sono io per non ambire a quello stato superiore? La domanda inizia a rombare nel cervello fino a mettere in discussione un rapporto che, fino a pochi minuti prima, era in perfetto equilibrio.

 

Advertisements
This entry was posted in Psicologia da strada. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s