Il cercatore


Trovare il vostro archetipo è importante, vi aiuta a capire voi stessi e il mondo che vi circonda.

letteratura-leroe-romantico_15049e6c1914c61d70e7571edebac8ca

Cercatore

Questo archetipo si attiva per una spinta spirituale interna. L’invididio vuole migliorare il proprio stato che viene percepito come una prigione. Il cercatore porta l’individuo a indagare sentieri sconosciuti in qualsiasi ambito: lavorativo, amoroso, affettivo e conoscenza. Il suo simbolo è il viaggio perchè solo attraverso il cammino verso l’ignoto si potrà saziare la propria voglia di esplorazione.

Inizia con una chiamata alla comprensione del senso della vita. L’individuo si interroga, spinto dall’esterno o da un cambiamento interiore e trova la propria esistenza vuota e immersa nella routine. Si sente in prigione. Se abbiamo una persona sana e formata la chiamata verrà accolta con entusiasmo e coraggio. Al contrario, nel caso di individuo cresciuto in schemi mentali ristretti, la chiamata sarà vissuta come un trauma.

Il viaggio è la risposta all’attivazione dell’archetipo. L’individuo parte alla scoperta di nuove frontiere, sia esteriori che interiori. Spesso il viaggio è una metafora per la scoperta di sè stessi, un viaggio spirituale. Lo spirito umano mira alla perfezione e mai a mantenere lo status quo. L’archetipo del cercatore mette a disposizione dell’individuo questa grande forza, la forza di cercarsi dentro. Pertanto si parte per una nuova avventura, si cerca di spostare i propri limiti e infrangere le proprie sicurezze. Uno stadio più elevato è il traguardo.

Quando l’uomo inizia a indagare sè stesso viene condotto alla metamorfosi irreversibile, non si torna più indietro alla miseria della banalità. L’individuo viene “iniziato” ai misteri del nuovo mondo. Queste conoscenze lo porteranno a comprendere chi è, quale sia lo scopo della propria esistenza e imparerà a conoscere le leggi che governano l’uomo e la natura. L’archetipo lo porterà a utilizzare le proprie conoscenze per aumentare il proprio potere o per migliorare l’evoluzione di tutti gli esseri umani. Sarà una scelta dolorosa e durante questo processo avverrà una vera morte e rinascita per liberarsi dalle paure.

La mitologia ci conduce verso i cavalieri della tavola rotonda e, particolarmente, Parsifal che riesce a vedere il santo Graal. Un grande personaggio fantastico è Sherlock Holmes. Risolvendo i vari casi riesce a comprendere le leggi della vita, della natura e i complessi meccanismi che regolano le passioni degli uomini. Per l’investigatore la ricchezza non sta nel risolvere il caso, ma nella conoscenza che ottiene durante la ricerca.

Un grande cercatore è stato Martin Luther King con il suo slogan “I have a dream” ha trasformato un’idea utopica in un miglioramento reale per tutti i cittadini.

Questo archetipo tocca tutti i campi. Le invenzioni tecnologiche, le grandi scoperte sono state ottenute da persone con l’archetipo del cercatore. Questi individui non sono stati esaltati dal raggiungimento della scoperta, ma dall’esperienza vissuta per ottenerla.

Molto spesso l’individuo parte con un obiettivo, che poi sposta o cambia durante l’esperienza che sta vivendo.

La deviazione del cercatore è il viandante. Il vero cercatore risponde alla chiamata consapevole del viaggio e non del traguardo, per lui l’esperienza del cammino è più importante della destinazione. La sua vera vittoria è la ricerca e la maturazione interiore piuttosto che l’arrivo.

Il viandante è colui che risponde alla chiamata e intraprende il viaggio, ma non assimila nessuna delle esperienze. Si trova in balia della vita, scaraventato in mille avventure, trovandosi all’arrivo come se non fosse mai partito. La saggezza del viaggio rimane sulla strada.
Il viandante è il lato ombra di questo archetipo. Perennemente insoddisfatto, bisognoso di nuove esperienze e, quando ottiene il traguardo, si sente un senso di vuoto interiore e una noia che lo spingono nuovamente in viaggio. Un suo aspetto secondario è il perfezionismo. Mentre il saggio si perfeziona spostando il limite, il viandante si vanta di perfezionare ciò che già conosce.

Uno dei peccati del viandante è la superbia, la mitizzazione delle proprie imprese con lo scopo di mettersi su un piedistallo. Raggiungere l’obiettivo con ogni mezzo è il lato oscuro del cercatore, perchè l’individuo vede la meta e non il cammino.

Caratteristiche Cercatore

Traguardo: ricerca di una vita o di un modo d’essere migliore
Paura: il conformismo, la prigionia
Risposta al drago: lasciarlo, fuggirne, liberazione
Compito: essere fedele a una verità profonda o più alta
Dono: Ambizione, autonomia
Mitologia: Parsifal / Graal
Favola/Racconto: Sherlock Holmes
Lato Ombra: eccesso di ambizione, perfezionismo, superbia, incapacità a impegnarsi, ossessività in genere

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s