1929. New Footy e il Subbuteo si vede all’orizzonte


Come ho già raccontato in un post precedente, il Subbuteo ha i suoi antenati. Già all’inizio del secolo i marinai inglesi usavano una simulazione del calcio con tappi e palline di carta.

Poi il signor W.L. Keeling, dopo aver studiato a lungo il modo per riprodurre fedelmente il gioco del calcio, creò la propria versione. Tagliò dei piccoli piedistalli in gomma da usare come basi e infilò delle sagome di cartone rigido. Dopo vari tentativi realizzò le porte in metallo e la pallina in sughero.

Il campo, nella migliore tradizione, venne ricavato da una coperta e le linee in gesso. Iniziò la stesura del regolamento con l’introduzione del “colpo di dito” per il movimento dei giocatori. L’ultima soluzione adottata fu l’asta per azionare il portiere. Il successo di questa prima edizione fu strepitoso, così il suo autore decise di commercializzarlo. Ottenne il brevetto il 25 Maggio del 1929 con il nome di Newfooty.

Ecco dunque il primo vero esempio di calcio da tavolo, il nonno del nostro amato Subbuteo. Notiamo, senza polemica, alcune caratteristiche. Basi semisferiche, figure piatte, porte in metallo.

La prima versione commerciale venne messa assieme con le basi realizzate a Londra da ACME Seals, le miniature a Bristol da Robinson e con i palloni di gioco importati dalla Germania. W.L. Keelings si occupò personalmente della realizzazione delle porte in metallo trattato antiruggine nella versione lusso ed in foggia normale per le scatole economiche. Un rettangolo di gioco con le linee di gesso ed il cerchio di centro campo grande come un disco da 78 giri, completano la confezione, che è consegnata esclusivamente per posta (questa modalità di vendita è durata sino agli anni 50).

Mi piace sottolineare come Keeling si affidò direttamente della vendita del gioco, senza affidarsi a distributori o negozi. Un segno che anche la storia della vendita è circolare.

Nel 1933 si trasferì al numero 38 di Barlow’s Lane, nel distretto di Fazakerly a Liverpool. Gli affari andavano alla grande e, nella nuova casa, potè incrementare la produzione per soddisfare le richieste degli appassionati. La febbre cresceva a dismisura, tutti volevano il gioco. L’unica forma di pubblicità era il passaparola.

Nel 1939 scoppiò la II Guerra Mondiale e per il gioco fu ovviamente un trauma. La produzione di fatto cessò fino al 1947.

Meraviglia delle meraviglie, questo video

Cosa successe dopo la Guerra lo scoprirete nel prossimo articolo. La storia è sempre avvincente.

Condividete sui vostri social.

Advertisements
This entry was posted in Subbuteo Story. Bookmark the permalink.

One Response to 1929. New Footy e il Subbuteo si vede all’orizzonte

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s