100 lezioni di scrittura creativa / 22 (dove si danno dei consigli sul presentarsi agli editori che nel 2015 non vanno più bene)


Bottega di narrazione - Corsi e laboratori di scrittura creativa

di Giulio Mozzi

Corsi di scrittura creativa Il bando 2015-2016 Buongiorno. Un giorno sì e un giorno no c’è un lettore (quasi mai una lettrice: ne parliamo settimana prossima) che mi domanda: «Ma se io voglio mandare un dattiloscritto alle case editrici, come devo presentarlo?». La domanda sembra banale e non lo è. Io ricevo due o tre dattiloscritti al giorno (a casa mia; altrettanti ne arrivano in casa editrice) e naturalmente non mi è possibile leggerli tutti integralmente. Ho imparato con l’esperienza che alcune caratteristiche del dattiloscritto, anche caratteristiche fisiche, sono significative. Ogni tanto mi viene in mente che si potrebbe inventare una disciplina simile alla grafologia, ma per i dattiloscritti («dattilografologia»?). Quindi, in somma, qui cerco di dare alcuni consigli per la presentazione dei dattiloscritti alle case editrici. Cominciamo:

[Questo scrivevo più di dieci anni fa. Oggi le cose vanno diversamente. Ma è interessante notare come alcune cose siano cambiate…

View original post 1,029 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s