Canzoni letterate


Per questo primo appuntamento con “Canzoni letterate” mi sono affidato al grande Francesco Guccini. Ho sempre amato i suoi testi molto “letterati” e per nulla banali.

Su in collina parla di partigiani con un linguaggio molto diretto e una storia che lascia i brividi sottopelle.

Pedro, Cassio e poi me, quella mattina Sotto una neve che imbiancava tutto Dovevamo incontrare su in collina L’altro compagno, figlio al Biondo, il Brutto Il vento era ghiacciato e per la schiena Sentivamo un gran gelo da tremare C’era un freddo compagni su in collina Che non riuscivi neanche a respirare Andavamo via piano, “E te cammina!” Perché veloci non potevamo andare Ma in mano tenevam la carabina Ci fossero dei togni a cui sparare Era della brigata il Brutto, e su in collina Ad un incrocio forse c’era già E insieme all’altra stampa clandestina Doveva consegnarci “l’Unità” Ma Pedro ci ha fermati e stralunato Gridò “Compagni mi si gela il cuore Legato a tutto quel filo spinato Guardate là che c’è il Brutto, è la che muore” Non capimmo più niente e di volata Tutti corremmo su a quella stradina Là c’era il Brutto tutto sfigurato Dai pugni e i calci di quegli assassini Era scalzo, né giacca né camicia Nudo fino alla vita e tra le mani Teneva un asse di legno e con la scritta “Questa è la fine di tutti i partigiani” Dopo avere maledetto e avere pianto L’abbiamo tolto dal filo spinato Sotto la neve, compagni, abbiam giurato, Che avrebbero pagato tutto quanto. L’abbiam sepolto là sulla collina E sulla fossa ci ho messo un bastone Cassio ha sparato con la carabina Un saluto da tutto il battaglione Col cuore stretto siam tornati indietro Sotto la neve andando piano piano Piano sul ghiaccio che sembrava vetro Piano tenendo stretta l’asse in mano Quando siamo arrivati giù al comando Ci hanno chiesto la stampa clandestina Cassio mostra il cartello in una mano E Pedro indica un punto su in collina Il cartello passò di mano in mano Sotto la neve che cadeva fina In gran silenzio ogni partigiano Guardava quel bastone su in collina
Advertisements
This entry was posted in Canzoni letterate. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s