Il subbuteo che volò col libeccio


Mario Giaconi ha scritto un buon libro. Un personaggio, una storia.

Di solito preferisco non recensire libri sul mio blog, non ne ho la capacità e la voglia. Per Mario faccio una gradita eccezione. Conosco il buon Giaconi da qualche anno, prima virtualmente e poi di persona durante una vacanza all’Elba. Lo scorso inverno ci siamo sentiti telefonicamente, il Mario si era messo in testa di scrivere un libro e mi ha chiesto alcuni consigli. Finalmente ho letto il prodotto del suo lavoro e ne sono rimasto piacevolmente sorpreso. La storia di Edo, un bambino con la passione per il Subbuteo, che si trova trasferito a Livorno dalla sua amata Milano. Sono gli anni dei pionieri del Subbuteo che ancora non era reperibile in Italia. Edo incontra e stringe una forte amicizia con Armando Picchi, il campione delle grande Inter, e ne seguirà l’ultima parte della carriera terminata con la morte dello stesso.

Mario ha usato uno stile semplice e diretto, senza cadere negli eccessi di protagonismo verbale tipici degli esordienti. La storia ha una linearità che non cade nelle disgressioni classiche di chi vuole dimostrare tutto e subito. Il romanzo si legge bene, per me sono bastati due giorni, ma io sono un treno quando un libro mi piace.

Edo, il protagonista, ha tutta la passione e la limpidezza di un bambino che si scontra con i buoni e i cattivi del suo mondo. Avanzo un paragone azzardato: anche Stephen King usa spesso gli occhi dei bambini per mostrare la limpidezza della realtà nei suoi lavori.

Molto bello anche il contorno, quella Livorno che Mario ama visceralmente e dalla quale emerge tutto il carattere schietto dei labronici. Mi sono immaginato nella storia alcuni livornesi che ho conosciuto personalmente che mi sembravano calzati a pennello sui personaggi.

Bravo il Mario.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to Il subbuteo che volò col libeccio

  1. Mario Giaconi says:

    Grazie mille amico mio

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s