Mario Giaconi presenta il suo libro e si ricorda di me


“Il Subbuteo che volò col libeccio” Armando Picchi e un ragazzo

Nelle librerie elbane il romando di Mario Giaconi edito da Persephone Edizioni. Un racconto avvincente sul Calcio e sul gioco del tappeto verde e delle pedine basculanti

Da pochi giorni è presente nelle librerie elbane il romanzo “Il Subbuteo che volò col libeccio” di Mario Giaconi edito dalla Persephone Edizioni, un racconto avvincente sul gioco del Calcio e del Subbuteo. Mario, ragazzino livornese di piazza Magenta, lo ricordo da quando, durante le ferie estive a Castellina Marittima, passava, insieme ai miei ragazzini, ore e ore intorno a quei primordiali, artificiali e affascinanti campi di Subbuteo imbullettati su una tavola di compensato che lui, con estro artistico, trasformava in un vero e proprio stadio, dotandoli di tribune, panchine e postazioni televisive. Non nego di aver dato anch’io qualche ditata a quelle figurine basculanti divertendomi come un pazzo quando – molto raramente – mi capitava di colpire la pallina di striscio insaccandola con una diagonale all’incrocio dei pali.Posso capire quindi come la sua passione, le sue capacità, la sua metodica e applicazione, la sua intelligenza tattica nel disporre la sequenza in campo lo abbiano portato a diventare un appasionato giocatore a livello dilettantistico. Insieme a questa passione, Mario “lo chiamo per nome perchè mia madre e sua nonna erano cugine, ma più che cugine, sorelle e questo tipo di rapporti attraversa indenne le generazioni – ne cullava un’altra ed era quella per Armando Picchi e di conseguenza per la grande Inter. Se sei livornese e interista, Picchi lo adori e ne adori la memoria, se tifi per un’altra squadra ti inchini comunque alla sua grandezza e ti inorgoglisci per la sua schietta livornesità. Queste sue due passioni Mario le ha fuse in una narrazione coinvolgente sulle ali di una fervida fantasia”.(Valberto Miliani).

La passione per un gioco, mai sopita, e un sogno di ragazzino sono gli ingredienti che hanno dato vita alla stesura di questo libro. L’autore, che ha ripreso a giocare a Subbuteo nel 2010, ha praticamente descritto la sua infanzia nonché il suo sogno…poter conoscere il campione Armando Picchi. Egli però non descrive solo il suo mondo, ma bensì quello di tutti gli appassionati che si sono nuovamente avvicinati, come lui, al panno verde e a quelle bellissime riproduzioni dei calciatori delle più svariate squadre, che ogni fine settimana s’incontrano in numerosi tornei che si svolgono su tutto il nostro territorio nazionale, amatorialmente. Tutti con la stessa passione ma con diverse storie di vita da raccontare. Grazie anche all’aiuto di Valberto Miliani scrittore e conoscitore del campione, dell’amico Flavio Firmo, scrittore, e del gota enciclopedico del Subbuteo Gianbattista Fontanella, l’autore è riuscito a scrivere un romanzo che riproduce quasi perfettamente la realtà. Alla sua prima esperienza da scrittore, nella vita reale, Mario Giaconi, è insegnante presso la scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Portoferraio”. (Mario Giaconi)

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s